• Aiuta i bambini dell’Uganda

  • Il sogno di una scuola

  • Una grande famiglia

  • Il diritto di crescere sani

  • La solidarietà è una mano tesa

sostienici
sostieni i nostri progetti a favore dei bambini ugandesi

ITALIA UGANDA

Solidarietà per la pace

la storia del mese
un aiuto concreto

7625

IN UGANDA LA MALARIA E’ LA PRIMA CAUSA DI MORTE

In Uganda la malaria è la prima causa di morte e un attacco grave può portare un bambino in fin di vita entro 48 ore.
Nelle nostre scuole centinaia di studenti si ammalano ogni anno e hanno bisogno di cure immediate. Tanti altri bambini arrivano al nostro ospedale in braccio ai genitori, debolissimi e incoscienti.
La malaria è curabile, una diagnosi tempestiva e la somministrazione di farmaci adeguati possono ridare il sorriso e la salute a tanti bambini malati. Ma è importante intervenire subito!

ITALIA UGANDA Onlus cura ogni giorno bambini e ragazzi che hanno contratto questa pericolosa malattia. Se vediamo sintomi di febbre e brividi facciamo il test diagnostico: se risulta positivo interveniamo con un ciclo di cure, nei casi più gravi ricoveriamo il bambino in ospedale.
Aiutaci! Insieme possiamo salvare le vite di tanti bimbi colpiti dalla malaria.

 

Dona ora

blog
aggiornamenti

Iscriviti al blog

2017

21.02

“God bless you”

di Dalla missione

Dalla missione di Luzira ecco le parole di Patrick Ezaga, General Manager di Emmaus Foundation, l’organizzazione ugandese fondata da padre Giovanni Scalabrini e partner dei nostri progetti, venuto di recente in Italia per incontrare i collaboratori e il direttivo di ITALIA UGANDA Onlus. “Come ogni prima visita in qualsiasi luogo nel mondo, il mio primo […]

Rubrica: We can

2017

31.01

Porridge bollente e un muzungu* ballerino. La prima volta di Marta e Matteo.

di Marilisa Battocchio

Marta e Matteo hanno passato due mesi per il servizio civile nella nostra missione a Kampala. Abbiamo chiesto loro di raccontarci, quasi a fine soggiorno, la cosa che più di tutte è rimasta nei loro occhi. Entrambi ci hanno raccontato della prima sera passata alla casa degli orfani e l’incontro con i ragazzi. Marta: Non […]

Rubrica: We can

top