• Aiuta i bambini dell’Uganda

  • Il sogno di una scuola

  • Una grande famiglia

  • Il diritto di crescere sani

  • La solidarietà è una mano tesa

sostienici
sostieni i nostri progetti a favore dei bambini ugandesi

ITALIA UGANDA

Solidarietà per la pace

la storia del mese
un aiuto concreto

DSC_0729

MOLTI BAMBINI CHE HANNO COMINCIATO LA SCUOLA, NON POSSONO FINIRE L’ANNO…

In Uganda l’anno scolastico si divide in tre trimestri e, per poter mandare a scuola i figli, le famiglie devono pagare una retta all’inizio di ciascuno.
Trovare i soldi per la scuola comporta uno sforzo enorme per le famiglie più povere. E’ quasi impossibile affrontare una spesa in più per ben tre volte l’anno, per chi non ha niente!
Per questo motivo tanti bambini, che hanno frequentato i primi mesi di scuola, si trovano poi a doverla lasciare.

ITALIA UGANDA Onlus sostiene agli studi centinaia di bambini che, senza un aiuto, rischiano di dover abbandonare la scuola e la possibilità di costruirsi un futuro.
Sostienili con noi! Insieme possiamo garantire ai bambini dell’Uganda un presente sicuro e una speranza per il domani.

 

 

Dona ora

blog
aggiornamenti

Iscriviti al blog

2017

21.02

“God bless you”

di Dalla missione

Dalla missione di Luzira ecco le parole di Patrick Ezaga, General Manager di Emmaus Foundation, l’organizzazione ugandese fondata da padre Giovanni Scalabrini e partner dei nostri progetti, venuto di recente in Italia per incontrare i collaboratori e il direttivo di ITALIA UGANDA Onlus. “Come ogni prima visita in qualsiasi luogo nel mondo, il mio primo […]

Rubrica: We can

2017

31.01

Porridge bollente e un muzungu* ballerino. La prima volta di Marta e Matteo.

di Marilisa Battocchio

Marta e Matteo hanno passato due mesi per il servizio civile nella nostra missione a Kampala. Abbiamo chiesto loro di raccontarci, quasi a fine soggiorno, la cosa che più di tutte è rimasta nei loro occhi. Entrambi ci hanno raccontato della prima sera passata alla casa degli orfani e l’incontro con i ragazzi. Marta: Non […]

Rubrica: We can

top