Sostegno al lavoro

Nei nostri progetti utilizziamo quasi esclusivamente personale locale: per noi lo sviluppo non può che derivare dall’autonomia delle persone che aiutiamo, che devono essere le prime artefici del loro futuro.

Negli anni abbiamo creato e supportato numerosi laboratori in cui impieghiamo le persone bisognose che si rivolgono in missione a chiedere aiuto.

  • Aiutiamo un gruppo di donne della collina di Kireka, un’area poverissima di baraccopoli di fango e fogne a cielo aperto, dove vivono come profughe della guerra civile insieme ai loro bimbi, nella maggior parte dei casi vedove o senza marito.
    A queste donne abbiamo chiesto di produrre rosari da distribuire in Italia ai nostri amici e sostenitori, poi il progetto si è ampliato ed è diventato continuativo grazie ad un’importante partnership con la Fondazione Santa Rita da Cascia, alla quale assicuriamo una produzione costante di rosari che possono poi diffondere tra i fedeli che visitano il Monastero.
    Previous Image
    Next Image

  • Nell’area della scuola alberghiera abbiamo installato una falegnameria, una carpenteria e vari altri laboratori (tessile, di stampa …) che occupano decine di lavoratori: hanno così assicurata una paga certa e la sopravvivenza per sé e le loro famiglie.
    Previous Image
    Next Image