2017

21.02

We can

“God bless you”

di

patrikfotouff

Patrick Ezaga, General Manager di Emmaus Foundation

Dalla missione di Luzira ecco le parole di Patrick Ezaga, General Manager di Emmaus Foundation, l’organizzazione ugandese fondata da padre Giovanni Scalabrini e partner dei nostri progetti, venuto di recente in Italia per incontrare i collaboratori e il direttivo di ITALIA UGANDA Onlus.

“Come ogni prima visita in qualsiasi luogo nel mondo, il mio primo viaggio in Italia è stato un mix di gioia e agitazione. Gioia perché lo scopo del viaggio era un incontro fondamentale con il Consiglio Direttivo e lo staff di ITALIA UGANDA Onlus a Milano. Ansia perché non avevo idea di cosa aspettarmi. E ho dovuto prepararmi psicologicamente al clima freddo che avrei incontrato, in netto contrasto con il caldo dell’Uganda, dove tutto l’anno si può tranquillamente fare a meno della giacca.

Il volo con i miei compagni di viaggio Daniele e Matteo è stato piacevole tranne che per la durata a causa della mancanza di un volo diretto dall’Uganda all’Italia. Il calore con cui sono stato accolto rimarrà per sempre impresso nella mia memoria. Abbiamo immediatamente cominciato a lavorare perché avevamo programmato molte riunioni. Il viaggio in treno dall’aeroporto a Milano e poi l’esperienza in metropolitana mi hanno ricordato il mio primo viaggio in Europa molti anni fa…

La prima cosa che mi ha colpito è stata la grande professionalità e l’impegno di tutta la squadra di ITALIA UGANDA. In tutte le loro azioni, era evidente la forte determinazione di continuare a sostenere i meno privilegiati e i più poveri in Uganda.

palline

Il Presidente Silvio Leonardi consegna a Patrick Ezaga i messaggi affettuosi dei sostenitori italiani

Dalla scomparsa dell’amato fondatore di Emmaus Foundation padre John Scalabrini, una nube scura era scesa sulle migliaia di poveri la cui vita era stata cambiata dopo l’incontro con lui. Dal suo arrivo in Uganda nel 1964 eravamo tutti abituati alla sua presenza imponente. L’impatto delle sue grandiose opere di carità è stato incommensurabile: migliaia di ugandesi hanno trovato il senso della vita attraverso la sua benevolenza e molti di loro sono diventati eccezionali ingegneri, medici, insegnanti, avvocati e molto altro e ora vivono in tutta l’Uganda.

Tra i vari motti che padre John ripeteva spesso c’era “Essere sia poveri che privi di istruzione è una vera tragedia”.
Così ha portato avanti con convinzione la sua vocazione sacerdotale: evangelizzare anche attraverso la creazione di opportunità per i poveri e gli ammalati innanzitutto consentendo l’accesso ad un’istruzione di qualità.

La scuola Bishop Cipriano Kihangire, che comprende sia una scuola primaria che una secondaria, è la sua più importante eredità: fondata sui principi della fede cattolica è, infatti, tra le migliori scuole della nazione.

Dopo che il Signore lo ha chiamato a sé, non è stato quindi sorprendente che l’incertezza incombesse sulla Emmaus Foundation e su tutte le persone ad essa collegate.

Mi sono reso conto che questa visita a Milano, che mi ha portato fino a Limido Comasco, luogo di nascita di padre Giovanni, era un modo per rinvigorire e rinnovare l’impegno per portare avanti la sua visione.
Per questo ho apprezzato molto la deliziosa cena con la famiglia di Angelo Scalabrini, nipote di padre John. E ho avuto incontri molto fruttuosi e rassicuranti con Alessandra, Lucia, Riccardo, Matteo e, infine, con il Direttivo di ITALIA UGANDA.
Ero quasi sopraffatto dall’emozione quando il presidente Silvio Leonardi, mi ha consegnato migliaia di messaggi affettuosi da parte dei sostenitori di Italia Uganda. Ed è stato ancora più toccante percepire l’impegno di tutto il Consiglio Direttivo per tenere viva l’eredità di padre Giovanni.

Abbiamo discusso e concordato sulle future priorità per Emmaus Foundation e le garanzie che ho ricevuto dal Consiglio hanno cancellato completamente tutte le mie preoccupazioni e timori relativi alle sfide gestionali che devo affrontare. Abbiamo deciso di continuare il nostro lavoro basandoci sulla trasparenza in ogni azione, sulla responsabilità e sulla stretta e costante collaborazione tra ITALIA UGANDA Onlus ed Emmaus Foundation.

A nome di tutto il personale di Emmaus Foundation, voglio quindi esprimere il nostro più grande e sincero ringraziamento al Consiglio Direttivo, allo staff di ITALIA UGANDA e a tutti i sostenitori dal cuore grande.
Non ci sono parole per descrivere quanto vi apprezziamo per tutto il supporto che continuate a garantirci. Troviamo sollievo nel fatto che la vostra ricompensa sia nel Signore. Possa Egli continuare a benedirvi tutti. Insieme, terremo padre John vivo nei nostri cuori per le generazioni a venire.

 

Torna alla pagina precedente


Un commento per ““God bless you”

  1. mi chiedo perche tanti emigrati africani non vengono inviati in uganda a lavorare anche col nostro aiuto,invece di attraversare con pericolo il mare e subire tanti stenti.

Rispondi a mariella epifani Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>